Shutterstock

Le patatine fritte sono state a lungo considerate una specie di Jekyll e Hydefood: sono assolutamente deliziose quando sono appena uscite dalla friggitrice, ma dopo che si sono raffreddate un po’, perdono un po’ del loro fascino e le eventuali patatine fritte avanzate tendono essere notoriamente difficile da rivivere.

Ma aspetta, non abbandonare quelle patatine nel piatto! Anche se il microonde non è sicuramente la strada da percorrere se vuoi che le tue patatine siano commestibili il giorno dopo, ci sono diversi metodi per riscaldare le patatine fritte avanzate che le renderanno croccanti e deliziose ancora una volta.

Perché le patatine fritte nel microonde non funzionano così bene

MicroondeShutterstock

Un’esperienza con le patatine fritte riscaldate nel microonde è davvero tutto ciò di cui hai bisogno per imparare che l’esperimento non sopporta di essere ripetuto poiché le trasforma in un pasticcio fradicio. Perché dovrebbe essere, quando il microonde fa un ottimo lavoro nel riscaldare altri tipi di avanzi?

Ci sono in realtà diversi motivi. Per prima cosa, un microonde si riscalda dall’interno verso l’esterno, quindi le tue patatine non diventeranno croccanti senza essere troppo cotte. Per un altro, il calore può essere irregolare, quindi alcune patatine potrebbero bruciarsi mentre altre rimangono flosce. E se li stai riscaldando in qualsiasi tipo di contenitore come, ad esempio, una scatola di cartone da asporto, quel contenitore intrappolerà l’umidità all’interno e praticamente cuocerà a vapore le tue patatine, il che non è un modo per trattare una patata povera.

Come ripassare le patatine fritte

Patatine fritte in padellaShutterstock –>

Secondo La cucina, il modo migliore per riscaldare le patatine fritte consiste nel friggerle una seconda volta. Non hai bisogno di una friggitrice profonda, simile a quella che ha dato alla luce le tue patatine, e, in effetti, probabilmente non vorresti immergerle nuovamente in una quantità così grande di olio, comunque.

Ciò di cui avrai bisogno, tuttavia, è una padella grande (la ghisa è sempre una buona scelta) e solo un po’ di olio, due cucchiaini per ogni tazza di patatine fritte. Per prima cosa, scaldi la padella a fuoco medio, quindi aggiungi l’olio e fallo scaldare fino a quando non diventa luccicante. Aggiungere un unico strato di patatine fritte e farle cuocere per un minuto prima di capovolgerle con una spatola. Fateli soffriggere per circa 30 secondi in più, poi salateli e mangiateli caldi.

Assicurati di non sovraffollare la padella con le patatine fritte, però, se stai riscaldando molte patatine fritte, fallo in piccoli lotti. Se hai troppe patatine in una padella troppo piccola, potrebbero finire per essere cotte al vapore invece che saltate e non saranno molto migliori che se avessi usato il microonde, dopotutto.

婻riscaldare le patatine in forno

Patatine fritte al fornoShutterstock

Se stai riscaldando una grande quantità di patatine fritte, o preferisci semplicemente un modo meno disordinato rispetto a cuocerle sul piano cottura, anche usare il forno funzionerà abbastanza bene. Mi chiedo come hackerare il cibo consiglia che, per garantire la croccantezza, è molto importante prendersi il tempo necessario per preriscaldare il forno a 450 gradi e utilizzare anche una teglia robusta. Anche quella padella in ghisa funzionerà, purché tutte le tue patatine si adattino senza affollarsi.

Puoi oliare la tua teglia, anche se non è del tutto necessario, ma qualunque cosa accada, dovresti mettere la teglia o la teglia in forno, senza patatine fritte, mentre il forno sta facendo la sua operazione di preriscaldamento. Una volta raggiunta la giusta temperatura, togliere la padella calda (usando una presina o un guanto da forno!) e stendervi sopra un unico strato di patatine fritte.

Quindi rimetterlo nel forno caldo e controllare le patatine ogni pochi minuti fino a quando non hanno raggiunto il grado di croccantezza desiderato. Una singola porzione di patatine fritte dovrebbe richiedere solo pochi minuti, ma potrebbero essere necessari fino a 10 minuti se stai riscaldando una grande quantità. Una volta che le patatine saranno pronte, toglietele dal forno e conditele a piacere.

Altre cose da fare con le patatine fritte

PoutineShutterstock –>

Se vuoi essere creativo, puoi provare un suggerimento dal Salvate la sorella e il signore blog e mettili nella tua piastra per waffle per creare delle patatine fritte per waffle di dimensioni jumbo. Puoi anche tagliarli a pezzi e usarli per preparare hash brown o patatine fritte fatte in casa, oppure puoi usarli in un burrito per la colazione, una padella o una frittata o anche in una zuppa. Forse potresti anche provare a trasformarli in poutine.

Mentre le patatine fritte riscaldate e/o riproposte non lo saranno mai piuttosto così meraviglioso la seconda volta, non è vero anche per così tante cose nella vita? Cogli l’attimo, prendi la saliera e scarta quelle patatine quasi buone prima che si raffreddino di nuovo.

Leave a Reply