Per decenni i soprannomi di musicisti e artisti sono rimasti costanti anche quando l’icona ci ha lasciato: Elvis è il re, George Jones è The Possum e John Wayne è The Duke.

Per anni, i fan dei western hanno sempre riconosciuto John Wayne come “Il Duca”, ma non molti si rendono conto del perché.

La star del western non è nata con l’etichetta con cui lo abbiamo conosciuto. Quando è nato, i suoi genitori lo hanno soprannominato Marion Morrison.

Tuttavia, il nome Marion non durerà a lungo. A 11 anni, ha colto al volo l’occasione di assumere un nuovo soprannome di grizzly.

L’amicizia che ha dato a John Wayne il soprannome iconico

Il suo soprannome di Duke è nato grazie al grande cane Airedale della famiglia di nome Duke, che camminava con lui da e per la scuola ogni giorno.

Mentre i due passavano ogni giorno davanti alla caserma dei pompieri del quartiere, i vigili del fuoco lo chiamavano il cane “Big Duke” e poi, scherzosamente, chiamavano Wayne “Little Duke” per passione per la coppia.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da John Wayne “The Duke” (@johnwayneofficial)

Poco dopo, Wayne si affezionò al soprannome, e alla fine disse alla gente: “Chiamami semplicemente duca” ogni volta che qualcuno lo presentava.

Anche se Wayne è stato accreditato con il nome “Duke” solo in uno dei suoi tanti western, ha interpretato cinque ruoli diversi con il personaggio di Duke. Inoltre, in sei dei suoi film, il suo cavallo è stato anche soprannominato Duke.

Quella che è iniziata come un’amicizia amorevole tra un ragazzo e il suo cane ha portato a un soprannome decennale che eterna la memoria di Wayne, e il suo cane, per sempre.

Anche se Wayne ha iniziato la sua carriera cinematografica in California, la sua collezione di cimeli che celebra la sua vita risiede a Fort Worth, in Texas.

La posizione è appropriata in quanto Wayne apprezzava lo Stato della Stella Solitaria, dice Ethan Wayne, il figlio più giovane di Wayne.

“L’unico film in cui ha messo il suo cuore e la sua anima è statoL’Alamo“, dice.” Ha sostenuto quel film personalmente e professionalmente e con esso ha posto fine a una relazione decennale con Republic Pictures. È una storia molto americana e una storia molto texana. C’è un legame lungo e profondo con l’Occidente e alcuni dei personaggi che ha interpretato sullo schermo”.

Leave a Reply