Le concept car vengono utilizzate per mostrare non solo le ultime novità, ma anche il futuro dei design e delle tecnologie delle auto. Ma alcune concept car lo portano all’estremo. Prendi la nuova Lexus UX Concept presentata al Salone dell’Auto di Parigi. Sebbene sia ancora chiamato SUV, potrebbe sfidare tutti i preconcetti di un 4×4 robusto e aggressivo. Questo perché la Lexus UX Concept, sia dentro che fuori, sembra un’auto uscita da un fumetto o persino un film.

Definire la Lexus UX Concept “dall’aspetto utopico” potrebbe essere l’eufemismo del salone dell’auto di quest’anno. Presentando quello che i suoi designer chiamano un design “nside-out”, sia la forma dell’auto che le strutture all’interno dovrebbero trasudare un focus umano-centrico. Invece, potrebbe effettivamente dare l’impressione di un guidatore sovrumano.

L’auto sembra quasi avere delle mini ali, che scorrono nell’abitacolo per ospitare gli schermi degli specchietti elettronici che mostrano le immagini delle telecamere posteriori montate sulle portiere. I raggi della ruota sembrano collegati alle pareti laterali, grazie a una gomma intagliata al laser che induce un’illusione ottica. Guardando all’interno ti sembra di guardare davvero l’interno dell’auto, con un design che sembra mostrare la struttura scheletrica dell’auto.

Quel carattere futuristico ovviamente continua alle tecnologie all’interno della Lexus UX Concept, che fa un uso giudizioso di fotocamere e specchi. Le fotocamere E-mirror sostituiscono i tradizionali specchietti retrovisori esterni, visualizzati su schermi interni incorporati. I comandi sono elettrostatici e le finestre sono elettrocromatiche. C’è anche un controllo del trackpad integrato nel pannello del bracciolo della portiera del conducente.

Ovviamente, essendo un concetto molto futuristico, nel giro di pochi anni potremmo non vedere nulla che assomigli al Lexus UX Concept. Ma questo è OK, perché il target di Lexus è un pubblico più giovane di 淯rbaniti? quelli che potrebbero ricordare bene i film sui supereroi di questo decennio.

Leave a Reply